Senza categoria

Un senso

2 dicembre 2014

Che siano di gioia, di rabbia o di dolore, non mi importa. Sono sempre preziose le lacrime. Non avrebbero quella consistenza, non sarebbero come acqua, se non avessero lo scopo di lavare.
Lavano l’anima, gli occhi e il cuore, ed escono fuori, rimangono sulle guance per raccontare. A te, a chi ti ascolta, a chi ti abbraccia.
Ho sempre amato i miei occhi dopo un pianto grande.
Ricordo giornate intere passate a piangere, e ricordo perfettamente che poi, la sera, mi guardavo allo specchio e pensavo è vero, le lacrime fanno gli occhi più belli.
Qualche giorno fa ho detto a Guia che le capiterà di avere qualcosa lì dentro, e le ho indicato il petto proprio dove sta il cuore, e le ho detto che dovrà imparare a raccontare cosa le ingombra l’anima. A me, a suo padre o a chi avrà di fronte. Le ho detto che l’unico modo per dare un senso alle emozioni, anche a quelle più pungenti e dolorose, è farne un racconto, trasformarle in qualcosa da ascoltare e guardare, e da ricordare, quando tutto sarà passato.
Aspetto che impari a scrivere, e poi le dirò che a un certo punto potrà anche trasferirle su un foglio queste emozioni, riordinarle, farle vivere dai suoi personaggi, metterle in fila una dopo l’altra, e le dirò che l’ironia mi ha sempre salvato la vita, sì, ma anche questa mania di prendere le mie lacrime e trasformarle in parole.
Le dirò che anche poche righe scritte di fretta senza pensare nemmeno a chi le leggerà possono – e devono – estrarre il dolore e trasformarlo in passato.

Ti potrebbe interessare anche

12 Commenti

  • Rispondi Luca Borello 2 dicembre 2014 at 22:59

    Sante parole.

  • Rispondi mammapiky 3 dicembre 2014 at 8:22

    Non vedo quasi mai nelle lacrime solo la tristezza, perché ci sono momenti in cui piangere e’ solo un modo diverso per comunicare e per far si che sia l’anima a parlare. Le mie lacrime sono spesso uno sfogo dal quale risorgo più forte e con un sorriso.

    • Rispondi Vale - Bellezza Rara 3 dicembre 2014 at 22:20

      È verissimo, spesso sono solo uno sfogo, e un nuovo punto di partenza. Ciao!!! 🙂

  • Rispondi Mamma Cattiva 3 dicembre 2014 at 12:40

    :-*

  • Rispondi gynepraio 3 dicembre 2014 at 13:22

    Questo mi fa venire in mente un post scioglicuore che scrissi a proposito delle lacrime che sono gocce, e le gocce sono stille, fino ad una ardita similitudine tra il dolore che si “distilla” per generare pensieri e decisioni, così come le vinacce di distillano per produrre la grappa. Dovevo stare male da cani, povera me.

    • Rispondi Vale - Bellezza Rara 3 dicembre 2014 at 22:21

      È bellissima questa similitudine!!! E mi piace pensare che sia davvero così, che dalle lacrime nasca qualcosa se non di bello, almeno di utile. Almeno, spero…:)

  • Rispondi Drusilla Galelli 4 dicembre 2014 at 7:40

    Hai proprio ragione, le lacrime sono molto preziose, fanno gli occhi molto belli e aiutano a capire ciò che sta in fondo al nostro cuore.

  • Rispondi erolucy.com 8 dicembre 2014 at 22:01

    Superlativa.

  • Lascia una Risposta