amore

Per limonare

24 luglio 2014

Ero in ritardo per l’appuntamento, stavo per uscire, quando la signora che mi aiuta in casa mi ha fermata e mi ha detto «Ho trovato questi, te li metto sulla mensola».
Ho osservato quelle due piccole cose che aveva in mano, due orecchini d’oro con una goccia rossa al fondo.
Strano, non uso orecchini, non ho più nemmeno i buchi alle orecchie, ho pensato, ma poi ho pensato anche che a casa nostra ci sono state amiche, nonne, e anche una baby sitter.
Strano, però. Non è un orecchino, caduto per caso. Sono due, come se qualcuno se li fosse tolti apposta.
Sono uscita, ho incontrato le mie amiche, ho fatto mille chiacchiere, ma in un angolino del cervello c’erano loro, gli orecchini, non molto brillanti ma pieni di domande.
«Ragazze, ho trovato un paio di orecchini in casa, sono stata via nelle ultime settimane. E se mi tradisse?»
«Ma no, magari sono tuoi»
«Ma figurati, saranno della baby sitter»
«Non preoccuparti, ci sarà una spiegazione».
Poi è arrivato lui a prendermi, sono salita in auto e ho dato il via  all’interrogatorio.
Il dubbio è una goccia piccolissima che ti entra dentro e in un secondo diventa un maremoto.
Lui mi ha detto sorridendo «Insomma, secondo te io mi sono portato una a casa, questa si è tolta gli orecchini, e li ha persi sul tappeto». E poi, dopo una pausa, «Scusa, ma perché questa tizia avrebbe dovuto togliersi gli orecchini?»
«Per limonare»
Ed era tutto troppo strano, lui troppo tranquillo. Una tranquillità ostentata, di sicuro per coprire l’imbarazzo.
Abbiamo parcheggiato l’auto, siamo scesi in silenzio, la pioggia su di noi, e lui che mi diceva «Vieni sotto l’ombrello!», ma io no, io volevo stare da sola, con i capelli fradici e una domanda nella testa: come potrò farlo confessare?
Siamo arrivati a casa, e prima di andare a dormire ho voluto guardarli un’ultima volta.
«Se sono d’oro, vendili subito, così non ci pensi più, e ci guadagni» mi aveva detto la mia amica Grazia qualche ora prima.
Li ho sollevati, e, perbacco, erano leggerissimi. E poi davvero piccoli. E poi, a guardarli bene, non avevano quella chiusura che hanno tutti gli orecchini. E di sicuro non erano d’oro, anzi, sembravano proprio una baracchetta, un giocattolino.
E poi, a un tratto, mi è venuta in mente una scena di qualche giorno prima.
Guia seduta sul tappeto in sala, «Mamma, guarda che belli i suoi orecchini!»
E lei, la proprietaria degli orecchini, lei era bellissima. Fisico mozzafiato, taglia 38 o forse al massimo 40, i capelli lunghi neri e gli occhioni grandi nocciola-verdi.
Lei, la mia rivale.
Lei era la Barbie ballerina di flamenco.

Ti potrebbe interessare anche

26 Commenti

  • Rispondi Grazia 24 luglio 2014 at 11:22

    Te lo ripeto anche qui: peccato, non sono d’oro, non puoi venderli.
    E comunque io la Barbie la odiavo anche prima!

    Grazia

  • Rispondi Ophelinha 24 luglio 2014 at 12:37

    mi hai fatto troppo ridere Vale 🙂 i tuoi post sono una sorsata d’acqua fresca***

  • Rispondi Marco Faccio 24 luglio 2014 at 12:49

    Anch’io ho fregato Ilaria con la vecchia storia di Barbie ballerina di flamenco, funziona sempre.

  • Rispondi acasadiclara 24 luglio 2014 at 12:59

    ci vuole una bella e fragorosa risata liberatoria adesso! ciao!!!

  • Rispondi MammaInSE 24 luglio 2014 at 14:42

    ok, sono morta dal ridere! Mai più barbie in casa tua!

  • Rispondi Gughi 24 luglio 2014 at 15:16

    Star, non ho parole…
    Ma poi perché togliersi gli orecchini per limonare?????

    • Rispondi Vale - Bellezza Rara 25 luglio 2014 at 9:10

      Gughi, questa è un’ottima domanda…un secondo dopo aver risposto così mi sono detta: ma perché??? :)))

    • Rispondi Paolina Notaro 25 luglio 2014 at 13:10

      perché i film ci hanno insegnato coì :))))))))))))

    • Rispondi Pellegrina 26 luglio 2014 at 23:00

      Hm, io me li faccio sempre togliere in queste circostanze, se non sono pendenti con gancetto. Ma sul flamenco sono scarsissima.

  • Rispondi Moky 24 luglio 2014 at 18:09

    ma noooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo

  • Rispondi La mia vita semplice 24 luglio 2014 at 19:56

    praticamente è stato un trip nella realtà aumentata 🙂

  • Rispondi Mamma In Città 25 luglio 2014 at 11:26

    Mamma mia le Barbie… ci fanno ingelosire da bambine per essere come loro e per il loro camper rosa, e da grandi per i loro orecchini persi! Fondiamo il comitato “Salvateci dalle Barbie”? 😉

  • Rispondi nazarena rancan 25 luglio 2014 at 11:33

    meraviglioso 🙂 anch’io, quando mi scende la goccia del dubbio, esterno spiegazioni logiche, che però non hanno mai alcun senso. e fanno solo molto ridere il malcapitato. 🙂

  • Rispondi Pellegrina 26 luglio 2014 at 22:57

    Che tutti i tuoi maremoti abbiano un epilogo come questo! (Però ci ho messo un po’ a capire chi fosse la ballerina di flamenco, o meglio che ci facesse nel tuo soggiorno.)

  • Rispondi Mamma Avvocato 28 luglio 2014 at 15:54

    Meno male!!!
    Le Barbie…è sempre stato amore e odio!

  • Lascia una Risposta