Senza categoria

Quando l’oceano sembra finire

5 settembre 2013
L’emozione dei tramonti a Maui. Con le nuvole che si colorano di rosa e il sole che scende giù, dietro di loro, verso l’oceano, e spara ogni tanto un raggio arancione, e le palme sembrano inchinarsi tutte verso di lui, e tu non sai se quel lui sia il sole o l’oceano, ma fa lo stesso. Tanto è il vento che le piega, ovvio, ma in un quadro tu vedi quello che vuoi.
E poi ci sono quei momenti in cui guardi i tuoi due compagni di viaggio e ti ritrovi a pronunciare un “vi amo” che ti rende ridicola, ma va bene così. Li ami. Li ami in questo attimo rosa e arancione lontano da tutto.
Il bello dell’essere isolata. Tanti minuscoli uccellini che al tuo passaggio si alzano in volo nel mezzo di una foresta e a te sembra di essere in un cartone animato. Wish you were here che spunta, inaspettata, come sottofondo in un ristorante di Maui, e tu stai lì, a bere la tua coca cola e in quei 4 minuti sei al liceo, e poi all’università, e poi a trovare la professoressa che vi insegnava l’inglese con la musica, e poi sei in quella boccia di vetro, e non sai se sei ancora uno di quei due pesci e in realtà no, non lo sei.
Non lo sei più.
E poi ci sono gli ultimi giorni di mare, e ogni volta piove, è matematico. La sabbia bagnata che diventa marrone e voi tre con gli asciugamani addosso. “Tanto fra poco smette”.
Tu piccola con i capelli a caschetto e il copricostume anni ’80 che osservi i buchini della pioggia sulla sabbia di Laigueglia e te li spieghi come un saluto del mare a chi deve tornare in città.
Tu un po’ più grande che ti ritrovi a dire addio, arrivederci al blu profondo e a queste onde e a quelle nuvole laggiù, quelle appiccicate all’orizzonte, quelle che chissà a che distanza sono.
Chissà quale tempesta, quali suoni, quali colori. Chissà cosa c’è laggiù, quando l’oceano sembra finire.
Chissà cosa ci sarà domani, dopo tutto questo oceano.

Ti potrebbe interessare anche

10 Commenti

  • Rispondi Mamma Avvocato 5 settembre 2013 at 8:59

    UN “ti amo” detto con sentimento non rende mai ridicoli.
    Un oggi così, pone delle buone basi per il domani, qualunque sarà.
    MI emozioni con le tue parole, sempre.

  • Rispondi Francesca 5 settembre 2013 at 11:13

    Già. Chissà.
    Vedi, anche io ho scritto di pioggia, ieri 🙂
    Portati a casa un po’ di sabbia e oceano.
    Anzi, no. Mi sa che li hai già nel cuore e da lì non se ne andranno mica. Si capisce da quello che hai scritto.

    • Rispondi Vale - Bellezza Rara 8 settembre 2013 at 8:58

      Infatti, Franci. Sono tornata ma ho ancora nel cuore tutto. E spero che ci rimanga, per tenermi compagnia tutto l’inverno! 🙂

  • Rispondi limoncino 5 settembre 2013 at 11:45

    E’ quell’ attimo che passa tra il pensare un “Ti Amo” che straborda dal cuore tanto e’ impellente e il pronunciarlo con una voce flebile, quasi dovesse uscire da uno spiraglio, che ci fa sentire ridicoli, o forse quello immediatamente successivo!
    Mi e’ capitato qualche volta, e sono state le piu’ belle…

  • Rispondi Themoon 5 settembre 2013 at 13:44

    Mi dai grandi emozioni, io sono lì con te, e spesso, vorrei poter essere libera di dire un “ti amo”così, con tutto il cuore, nell’istante in cui ho voglia di farlo.

    • Rispondi Vale - Bellezza Rara 8 settembre 2013 at 9:00

      In effetti non ci avevo pensato: il bello è l’essere liberi di farlo. Non capita spesso, ma è bello. Un abbraccio!

  • Rispondi raffaella 11 settembre 2013 at 8:12

    Me lo chiedo anche io, spesso e quella linea sottile che lo separa dal cielo, irripetibile ed unica eppure così banale mi porta alle tue stesse considerazioni…non so dove vada il domani ma prego e ringrazio sperando me lo faccia incontrare insieme a chi amo.
    Raffaella

  • Rispondi thesunmother 11 settembre 2013 at 9:32

    Le tue dichiarazioni d’amore sono sempre così piene e belle, come potrebbero essere ridicole?

    La pioggia dell’ultimo giorno, i saluti al mare e alla libertà delle vacanze e le giornate che si accorciano hanno un sapore lieve di malinconia che mi piace moltissimo.

    Baci grandi

  • Lascia una Risposta