inviaggiodinozzein3 viaggi

Aloha

24 agosto 2013
C’era un ragazzo, avrà avuto 20 anni. Una maschera davanti al viso, e il tagliaerba fra le braccia, quello che sembra un’aspirapolvere.
Io passavo con lei, e le ho detto «Senti, Guia. Senti questo profumo, che poi non è solo un profumo, perché ti si appiccica alla pelle, e sa di erba, di fresco, e di umido»
Lui si è fermato. Non voleva che un rametto ci finisse per sbaglio fra i piedi. Si è alzato la maschera e ci ha detto sorridendo «Aloha».
«Aloha» gli ho risposto.
Buffo, ho pensato: come sono simili Hello e Aloha.
E mi è venuto in mente quel tassista di San Francisco, quello che qualche giorno fa ci ha detto che alle Hawaii è tutto semplice.
«Da dove venite?»
«Italia»
«Da una città? Avete una rete di trasporti? Come si chiama? Qua a San Francisco si chiama Muni. In ogni città si chiama con qualche sigla strana. Sapete come si chiama alle Hawaii? The Bus. Cosa c’è di più semplice? The Bus».
E ha riso, e ci ha detto «Buon viaggio».
C’è qualcosa di magico alle Hawaii. Non so se sia l’oceano, che qua sembra infrangersi sulla spiaggia sorridendo, o il vento, che a qualsiasi ora sembra accarezzarti, e cullarti. O la distanza da tutto. Che se non fosse per il wifi in hotel, sarebbe un tutto lontanissimo, con il volume al minimo. O il saluto, Aloha, che in realtà vuol dire condivisione gioiosa dell’energia vitale nel presente. E tu pensi che quella persona ti stia dicendo solo ciao, e invece ti sta regalando energia vitale.
Forse c’è semplicemente – e banalmente – qualcosa di magico nel viaggiare. Soprattutto quando non lo fai da tempo. Soprattutto quando lo fai con due occhioni di quasi quattrenne costantemente meravigliati. Soprattutto quando un viaggio l’hai aspettato tanto.
Soprattutto quando ti rendi conto che in cammino non ci sei solo tu, e condividere un cammino con chi ami vuol dire anche smettere di vivere guardandosi l’ombelico.
Aloha, quindi. Bello sarebbe tornare in Italia e riempire ogni Ciao dello stesso significato.

Ti potrebbe interessare anche

20 Commenti

  • Rispondi nazarena rancan 24 agosto 2013 at 10:59

    che bello, aloha a voi!

  • Rispondi Moky 24 agosto 2013 at 12:08

    Anche un ns CIAO può avere molto significato se detto col cuore…perde la sua banalità…

  • Rispondi Erika Zomer 24 agosto 2013 at 15:31

    un’amica mi ha detto che le hawaii sono l’ombelico dle mondo, dove il mondo stesso è nato. e quando si reca alle hawaii si sente a casa, veramente. Forse questa è la ragione di tanta magia.
    CiaoAlohaHallo

    • Rispondi Vale - Bellezza Rara 25 agosto 2013 at 2:05

      E’ proprio così, Erika: ci si sente a casa! La tua amica ha proprio ragione. Ciao!

  • Rispondi Mamma Avvocato 24 agosto 2013 at 17:51

    Sta a noi dargli quel significato, non credi?

  • Rispondi Adriana Fusè 24 agosto 2013 at 23:02

    Niente da dire se non… Aloha!
    Bacio

  • Rispondi TOMETOO... 26 agosto 2013 at 9:34

    mitici tassisti! in ogni parte del mondo (eccetto a Torino ahimè!) sanno sempre stupirti (nel bene o nel male) per la loro eccentricità…
    aloha (che oltre al suo significato sta anche per: bentornata, bel post, bella esperienza!) 😀

  • Rispondi verdeacqua 26 agosto 2013 at 11:01

    Aloha cara sposina! E’ bello leggerti, sempre, anche quando sei dall’altra parte del mondo!

  • Rispondi francesca rossi 26 agosto 2013 at 12:15

    wow… che foto e che viaggio!!! 😀 beata…

    • Rispondi Vale - Bellezza Rara 27 agosto 2013 at 9:07

      Sì, Francesca, è proprio un viaggio speciale! Proprio ieri pensavo: peccato sposarsi solo una volta…almeno per il viaggio di nozze! :))))

  • Rispondi TOMETOO... 27 agosto 2013 at 10:08

    se vuoi qualche aneddoto per fare un collage ne ho qualcuno che conservo dei miei spostamenti milanesi e romani! 😉

  • Rispondi Drusilla Galelli 1 settembre 2013 at 18:43

    Aloha!!!! Che bello questo post! Ti ho appena scoperto ma mi piaci già un sacco….

  • Lascia una Risposta