femminicidio

Di fronte alle vostre figlie

28 maggio 2013
Dovreste vergognarvi. La sera, quando arrivate a casa e vi mettete a giocare con vostra figlia sul tappeto. Quando la mettete a letto nel sacco nanna bianco e rosa. Quando andate a vederla al saggio di danza. Quando la domenica le insegnate ad andare in bicicletta. Quando la guardate emozionati salire il primo gradino di scuola media. Quando la aiutate a scegliere il liceo. Quando la aspettate ansiosi a casa nelle prime uscite serali. Quando le asciugate le lacrime per una delusione d’amore. Quando entrate in chiesa accompagnandola verso l’uomo giusto. Quando le accarezzate il viso orgogliosi del vostro nipotino.
Dovreste vergognarvi, voi deputati che non eravate presenti in Parlamento a discutere della ratifica della convenzione di Istanbul. Dovreste vergognarvi perché si parlava di riconoscere la violenza sulle donne come violazione dei diritti umani
Dovreste vergognarvi ogni volta che incontrate lo sguardo delle vostre figlie. 

Ti potrebbe interessare anche

17 Commenti

  • Rispondi Federica MammaMoglieDonna 28 maggio 2013 at 9:05

    sottoscrivo in pieno!!!

  • Rispondi MadreCreativa 28 maggio 2013 at 9:08

    e’ vergognoso!

  • Rispondi verdeacqua 28 maggio 2013 at 9:13

    purtroppo di riflesso mi vergogno anch’io, perchè, comunque anche non se li sento così rappresentativi, dovrebbero essere lì a lavorare per noi.

  • Rispondi M di MS 28 maggio 2013 at 9:52

    Sì, ho letto quanto dice la Zanardo e sono assolutamente d’accordo con te.

  • Rispondi La mia vita semplice 28 maggio 2013 at 10:51

    squallore: non riesco a trovare un altro termine. E la cosa più brutta è che quest’immagine non mi sorprende per nulla.

  • Rispondi TOMETOO... 28 maggio 2013 at 11:15

    Condivido in toto!
    Di questo e di molte altre cose dovrebbero vergognarsi.
    Il punto è proprio che ormai sono impermeabili alla vergogna. Questo splendido sentimento ormai desueto!
    Forse dovremmo levare qualcosa di più che la voce, noi, poveri sudditi (perchè mica ci considerano cittadini) (cfr. Discorso alle nazioni di Celestini!)

  • Rispondi Tinella 28 maggio 2013 at 13:12

    Sono d’accordo. Aggiungo che dovrebbero vergognarsi anche se non sono genitori, perchè l’orrore che sta capitando a noi donne dovrebbe riguardare tutti. La verità è che dopo le prossime elezioni loro saranno ancora nel nostro parlamento, e noi staremo qua fuori augurandoci che la prossima non sia nostra figlia.
    Sono molto arrabbiata e amareggiata.

  • Rispondi Mamma Che Paura! 28 maggio 2013 at 13:13

    è proprio vero, per quanto uno si arrabbi, loro, sì la classe che ci rappresenta, è impermeabile al senso della vergogna, per non parlare di quello del dovere.

  • Rispondi kosenrufu mama 28 maggio 2013 at 14:03

    assolutamente d’accordo. purtroppo.

  • Rispondi Francesca 28 maggio 2013 at 14:43

    tutto questo, al solito la dice lunga sul livello di civiltà del nostro bel paese :-((

  • Rispondi Vale - Bellezza Rara 28 maggio 2013 at 16:42

    Vedo che il sentimento è condiviso…E’ da stamattina che ci penso, e mi sembra allucinante. Mi sembrano completamente fuori dal mondo a non partecipare a una discussione così importante. E fra l’altro mi sembrano anche poco furbi, a dire il vero. Non potevano non immaginare il nostro sdegno.
    Vorrei davvero avere i nomi di chi c’era, per tenerli a mente, alle prossime elezioni!

  • Rispondi Loredana Gasparri 28 maggio 2013 at 17:27

    Io vorrei semplicemente fare ai signori assenti questa domanda:
    e se domani fosse vostra figlia a cadere sotto i colpi di un essere NONumano (appartenente al vostro stesso genere) semplicemente perché ha detto no, vi piacerebbe?
    E aggiungerei:
    e se al vostro dolore il mondo rispondesse con un’alzata di spalle menefreghista (come avete fatto voi, insultando e sbeffeggiando tutti i familiari di donne uccise da esseri NONumani di sesso maschile), come vi sentireste?
    Sarei curiosa di sentire le risposte. E, soprattutto, di guardare le loro espressioni.

  • Rispondi acasadiclara 28 maggio 2013 at 21:31

    si sentono immuni anche dai giudizi altrui e non gliene importa niente di niente. è questa la cosa che mi fa più arrabbiare.

  • Rispondi Iaia Kat 28 maggio 2013 at 23:28

    nessuno lo ha detto che il Movimento cinque stelle era l’unico ad essere in aula!

  • Rispondi Giordana Ronci 28 maggio 2013 at 23:46

    è già…

  • Rispondi Mamma Avvocato 29 maggio 2013 at 10:04

    Concordo e sottoscrivo.
    Vergognatevi.
    Vergognamoci un pò anche noi, però, se qualcuno degli assenti li abbiamo votati.
    Io, nel dubbio, mi vergogno.

  • Rispondi Pellegrina 29 maggio 2013 at 15:00

    Condivido tutto lo sdegno che esce dal tuo post. Aggiungerei solo che dovrebbero vergognarsi in primo luogo di fronte a loro stessi, tanto più se sono uomini. Perché la violenza contro le donne non è un problema (l’ennesimo, e saremmo anche stufe!) delle donne, che ne subiscono le conseguenze più o meno dure, ma degli uomini che la praticano o la avallano in primo luogo. E quindi direi vergognatevi prima di tutto davanti a voi stessi, ai vostri figli, ai vostri amici, come ai vostri fratelli, padri, madri, sorelle, amanti. E chiedete scusa (possibilmente evitando di venire ricandidati, perché no).

  • Lascia una Risposta