cinema Come non detto film Ivan Silvestrini Josafat Vagni Monica Guerritore

Come non detto – il film

16 settembre 2012

Metti un film che parla di un ragazzo. Di un ragazzo e della sua famiglia bizzarra, come sono tutte le famiglie, se osservate da vicino. Di un ragazzo e del suo rendersi conto di essere attratto da persone del suo stesso sesso. E della sua paura di dirlo al mondo, a cominciare dai genitori.

Metti un film che parla dell’omosessualità e del coming out in modo intelligente, allegro, forte e allo stesso tempo leggero.
Metti semplicemente una storia di un ragazzo, perché di quello si tratta: del suo crescere, dei suoi primi passi nel mondo degli adulti, e di tutti i problemi normali di un ragazzo normale, che fa fatica a trovare la sua strada. 
Metti un regista, Ivan Silvestrini, al suo debutto, e la sua capacità di raccontare una storia importante con leggerezza e tenerezza.
Metti un cast perfetto, dal protagonista, Josafat Vagni, incredibilmente bravo e convincente al suo esordio, agli altri interpreti straordinariamente bravi: una su tutti Monica Guerritore, bella, bellissima mamma con un viso da mamma. Un viso che racconta con semplicità e sincerità la sua età.
Metti alcune battute meravigliose, la mia preferita: “le corna sono come i tacchi: slanciano!”…peccato non averla sentita tanto tempo fa, quando ero anche io una ragazza che cercava la sua strada e la fedeltà dei miei fidanzati era ehm…non proprio una costante. Mi avrebbe fatta ridere, e mi avrebbe messo allegria.
Metti un sacco di risate, qualche lacrima, e momenti di emozione pura. E i titoli di coda che arrivano e ti colgono di sorpresa e ti fanno dire “ma è già finito?”, perché non c’è mai stato un momento di noia, ma ogni minuto è stato divertente e coinvolgente.

Metti la sensazione di nostalgia che provi uscendo dal cinema, quella nostalgia per i protagonisti dei film che piacciono davvero.
Metti un film che potrebbe aiutare chi vive storie simili, perché cerca di mettere da parte le paure per fare spazio ai sentimenti. E cerca di dare coraggio e speranza.

Metti tutti questi ingredienti e avrai un film meraviglioso: Come non detto
E’ uscito da qualche giorno, e non so quanto rimarrà ancora nelle sale: andate a vederlo. 
Perché è bellissimo, perché vi farà piangere e ridere ma soprattutto vi metterà serenità. 
E perché fa venire voglia di essere se stessi, sempre. E perché fa capire che ci sono momenti in cui bisogna avere coraggio, e vivere la vita che si vuole vivere. Perché poi, alla fine, quando hai coraggio la vita ti sorprende sempre.

Ti potrebbe interessare anche

4 Commenti

  • Rispondi Mamma Che Paura! 16 settembre 2012 at 23:12

    Mi hai fatto venire una gran voglia di vederlo!!!!!!!

    • Rispondi Vale 17 settembre 2012 at 9:14

      🙂 Se vai poi dimmi se ti è piaciuto! Buona giornata!

  • Rispondi GAB 17 settembre 2012 at 0:08

    l’ho scoperto tramite la colonna sonora (la canzone di syria piace molto a me e a marta)…però…se devo essere sincera, non avrei scommesso sulla qualità del prodotto…non so dirti perchè…forse perchè mi sembrava un “film mtv”…boh, comunque poichè non ci si può basare solo sulle sensazioni, lo vedrò! notte

    • Rispondi Vale 17 settembre 2012 at 9:17

      ciao cara, ma guarda, in effetti io nemmeno lo conoscevo, e quando ho visto la locandina davanti al cinema non avevo molta voglia di entrare perché la sensazione era quella che hai detto tu. poi invece mi sono ricreduta del tutto. sì, è un film fresco, giovane, ma bellissimo. e anche profondo senza essere pesante.
      ps: la canzone di syria è bellissima, e fra l’altro rimane tantissimo in testa!!!
      buona giornata!

    Lascia una Risposta