figli google Guia mamme mammità mare sms

SMS

20 aprile 2012
Guia, la sua ombra lunghissima e il mare
Chiaramente non hai il cellulare. Probabilmente inizierai a stressarci per fartelo comprare verso i 9 – 10 anni, o forse anche prima. Non so come reagiremo, ovviamente ora ti dico che cercheremo di resistere, ma so anche che se tutti i tuoi compagni di scuola ce l’avranno, sarà un casino non dartelo. 
Lo so, lo so, bisogna insegnare ai figli a rinunciare agli oggetti inutili, bisogna insegnare il valore delle cose, ecc. ecc. So tutto quanto. Ma so anche che poi, quando vivi le situazioni, è tutto diverso.
E poi, proprio perché stiamo cercando di farti vivere sentimenti belli e quindi di farti crescere serena, non credo che un oggetto, per quanto tecnologico, potrà farti male.
Credo profondamente che ai figli si debbano dare degli occhiali per imparare a leggere la realtà, e non opinioni su quale sia la realtà giusta e quale quella sbagliata. Con moltissimo realismo. 
Se a 10 anni (ecco, 9 no, dai, facciamo doppia cifra almeno) sarai una brava bambina – come immagino e spero – non credo che un cellulare farà la differenza. Implorarlo tutte le sere e farne una ragione di vita per mesi, quello sì potrebbe crearti frustrazioni inutili.

Fatto tutto questo pippone (capirai con il tempo che la tua mamma è un po’ logorroica), il punto è che ancora non posso mandarti sms. E caspita, quotidianamente avrei un sacco di messaggi da mandarti. 
Sì, lo so. Esistono quaderni. Ma tu sei della vergine, quindi iperordinata, e da mesi ormai metti a posto cose che io lascio in giro per la casa, mentre io sono bilancia (ascendente bilancia), e il disordine è il mio stile di vita da 35 anni. 
Quindi, amore mio, non posso permettere di affidare i miei messaggi per te ad un quaderno che potrebbe perdersi al prossimo trasloco. Credo che i server di Google siano molto ma molto più sicuri di casa nostra.
Niente, tutto questo perché oggi avrei voluto scriverti, via sms, che vederti smettere di piangere grazie a due palline antistress fatte a forma di ciliegia, gadget di chissà-quale-famoso-cioccolatino, riesumati da fondi di magazzino non ben identificati, mi ha provocato una grandissima invidia nei confronti del tuo essere semplicemente e meravigliosamente bambina.
No, le faccine non te le faccio. Non le faccio mai negli sms. Proprio non riesco.
P.S.: come giustamente suggerisce Santo Google, provvederò a crearti un account su gmail per i discorsi più riservati. Magari il canale su youtube fra qualche anno…




Ti potrebbe interessare anche

2 Commenti

  • Rispondi Anonymous 26 aprile 2012 at 14:21

    diomio! piango!

  • Lascia una Risposta