figli

    La vitamina ZZZ

    28 luglio 2016

    LavitaminaZZZ

    Lassù, dove abitiamo, i bambini vanno a letto presto, prestissimo. Tipo che i miei vicini di casa, che hanno cinque figli, alle 19 li senti chiacchierare scherzare e poi dalle 19.30 senti rumore di gente sulle scale, su e giù, bonne nuit, qualche pianto dei più piccoli, e poi alle 20 il nulla, il silenzio totale. Una volta ci hanno invitati a cena, noi due siamo entrati, erano le 20.15, sembrava di essere a casa di una coppia senza figli.
    «Dove sono i bimbi?» ho chiesto io, ancora non li conoscevo bene.
    «A letto!» mi ha risposto lei, guardandomi come se avessi detto «Dove sono gli extraterrestri con il costume di Borat addosso?»

    E allora, dopo qualche mese lì, complice il sole che d’inverno cala prestissimo (quando lo vedi calare, perché normalmente non lo vedi manco a mezzogiorno, dato che preferisce starsene nascosto dietro alle nuvole), ho cominciato a fare così con le mie bimbe, convinta anche dalla pediatra che mi ha detto «Guardi signora che i bambini hanno bisogno di sonno come delle vitamine e delle proteine e se non dormono abbastanza SI AMMALANO». Non sia mai che si ammalino, ho pensato, e allora ci sono state sere in cui abbiamo cenato alle 18.45, e alle 19.30 tutti a nanna. Strano, all’inizio. Soprattutto strano quando lui arrivava alle 20.30 a casa e non vedeva nessuno in sala e ci ritrovavamo poi a cenare noi due, da soli, come tanto tempo fa.

    Poi ho capito. Ho capito quando una mia amica italiana sposata con un inglese, dopo che le ho raccontato ciò che mi aveva detto la pediatra, mi ha risposto «Sì, certo. Però io mia figlia la metto a letto presto anche e soprattutto perché fa bene a noi».

    Ecco, sì, lì ho capito che la vitamina ZZZ, cioè il sonno (lo chiama così questo articolo che ne spiega i vantaggi), fa bene anche a me. E a noi. Perché sì, caspita, io queste due le adoro, quella grande, il suo essere così volitiva, il suo essere non più timida da quando ci siamo trasferiti, il suo essere così tenera e così selvaggia, così creativa, così ironica, e che dire dell’altra, quell’altra che assomiglia tanto alla sorella (e quindi al papà) ma anche a me, quella sua fossetta sulla guancia destra, e le manine che mi accarezzano ma non sanno ancora accarezzarmi bene quindi spesso mi schiaffeggiano, gli occhioni grandi e le signore anziane che quando andiamo in giro «Ooooh che occhioni belli», io queste due non le adoro solo, le amo sopra ogni altra cosa, davvero, e cosa lo sto scrivendo a fare, non c’è nemmeno bisogno di dirlo.

    Però.

    Però quando le metto a letto, vado in cucina, mi verso un bicchiere di vino, magari mi faccio una doccia, o guardo il tg, o semplicemente resto sul divano a fissare il muro di fronte senza pensare a niente, senza sentire niente, senza dire niente, beh, quello è il momento in cui mi rendo conto che i miei polmoni possono respirare molto più profondamente di quanto abbiano fatto tutto il giorno. Magari poi è solo l’effetto del bicchiere di vino, però davvero, è un momento bello.

    E loro due, si addormentano meglio, si svegliano meglio, dormono meglio. Stanno meglio. Odio dare ragione alla mia pediatra, che non mi è molto simpatica, ma sì, stanno meglio.

    So che non è facile, so che posso farlo perché sono fortunata e non torno dall’ufficio tardi come molte altre persone, so tutto. Ma so che a me, a noi due, a noi quattro, la vitamina ZZZ fa bene, benissimo.

    O forse è solo l’effetto del vino che sto bevendo in questo momento, dopo averle messe a letto, e allora fate finta di non aver letto nulla 😀

  • Unanno
    essere expat

    Un anno

    Un anno fa, esattamente il 29 giugno, siamo partite, siamo salite su un treno che ci avrebbe portate a Parigi e poi su un altro per Lussemburgo. C’era Guia, c’era la mia pancia di…

    28 giugno 2016
  • Bastachiedere
    Il resto è ossigeno

    Chiedere

    Non sono mai stata brava a chiedere. Sono stata cresciuta da una mamma orgogliosa che mi ha insegnato a ottenere ciò che volevo con le mie forze, sempre. A studiare impegnarmi lottare senza risparmiarmi…

    15 giugno 2016
  • Mancarsi
    figli

    Mancarsi

      Quando sono partita per Torino lasciando le bimbe a casa, lunedì pomeriggio, ho provato una sensazione strana. Me ne stavo lì al gate a osservare le persone e a un certo punto mi…

    9 giugno 2016
  • Amarsi bene
    amore

    Amarsi bene

    Sono nata e cresciuta in un quartiere che era quasi come un paese, bellissimo e particolare: c’era una parrocchia in mezzo, poi un asilo nido, una scuola materna, una scuola primaria e una secondaria,…

    2 giugno 2016